Il 6 ottobre 1941, il SS Thistlegorm raggiunse la sua destinazione finale sotto la superficie del Mar Rosso. Quasi 80 anni più tardi, questo emblematico relitto rimane una delle immersion più conosciute al mondo.

Appena 18 mesi prima di essere affondato, questo piroscafo di 4.898 tonnellate e 128 metri di lunghezza, era stato costruito a Sunderland, Inghilterra, ed era di proprietà di Albyn Line. Thistlegorm vuol dire, in Gaelico, “Cardo blu”, un nome ironico visto il suo destino legato al mare.

Il viaggio finale

Nel giugno 1941, in seguito ad un viaggio nelle Americhe, il Thistlegorm venne munito di una contraerea da 120 mm e di una mitragliatrice di grosso calibro, e richiamato per rifornire l’8° Armata Britannica nel bel mezzo della seconda guerra mondiale. Partito da Glasgow, in Scozia, l’equipaggio si diresse verso Alessandria, in Egitto, circumnavigando la costa del Sud Africa, facendo parte di un convoglio di 16 navi, per evitare i nemici stazionati nel Mediterraneo.

Dopo dodicimila miglia e due settimane all’ancora a Sha’ab Ali, alle 1:30 della mattina due aerei tedeschi sganciarono le loro bombe nella stiva n. 4, creando una reazione a catena con il carico di munizioni e distruggendo il Thistlegorm. Affondò in meno di dieci minuti.

La HMS Carlisle, ancorata lì a fianco, fu in grado di soccorrere quasi tutto l’equipaggio. Le vittime furono nove. Il capitano venne insignito della OBE, un marinaio ricevette una medaglia per averne salvato un altro e, in seguito alla tragedia, il relitto venne designato come cimitero di guerra.

Popolarità subacquea

Quasi 15 anni dopo, il Thistlegorm venne riscoperto da Jacques Cousteau, ma abbiamo dovuto aspettare gli anni 90 e lo sviluppo di Sharm-el-Sheikh per far sì che il Thistlegorm venisse promosso da segreto locale ad una delle immersioni più famose al mondo.

Oggi, il relitto è un paradiso per l’esplorazione e come patrimonio di guerra. Oltre all’elica e alle armi, l’attrazione principale è il suo carico intatto che include motociclette, camion, carri armati UC-MkII, fucili, parti di ricambio per aeroplani e radio, stivali di gomma, molte munizioni e due locomotive a vapore che vennero lanciate ai lati del relitto a causa dell’esplosione.

E poi c’è la vita marina: tonni, barracuda, pesci leone, murene, labridi, pesci pipistrello e pesci pietra. Fai attenzione, perché sul ponte potresti osservare pesci coccodrillo e, nel blu, tartarughe imbricate.

Thistlegorm deck

A delicate future

La poppa e la zona centrale della nave sono dritte, mentre la prua è staccata e ruotata di 90 gradi. Il progetto Thistlegorm offre impressionanti mappe e percorsi virtuali in 3D. Vale la pena di fare più di un’immersione e il miglior piano è quello di fare un’immersione di orientamento all’esterno, e una seconda immersione per esplorare le stive e il carico. Ci possono essere forti correnti ed è fondamentale avere un buon assetto, quindi gli operatori subacquei richiedono di avere almeno la certificazione come PADI Advanced Open Water e oltre 20 immersioni registrate. La certificazione PADI Enriched Air Nitrox è facoltativa, ma utile da avere.

Vuoi immergerti sul SS Thistlegorm? Visita PADI Travel per prenotare un viaggio nel Mar Rosso.

Share This