Su le pinne! Imparare a immergersi e continuare a farlo.

Pubblicato da

alex-baackes-wdd

Di Alexandra Baackes, PADI AmbassaDiver

Ci sono molti modi di godersi la subacquea: scattare foto di esotiche creature marine, approfondire la scienza riguardante gli abissi o semplicemente, durante una bella giornata, stare al sole e in acqua; è un’esperienza unica e speciale quasi per tutti. Per quanto mi riguarda, sette anni fa la mia vita è cambiata per il meglio quando, durante il mio corso PADI Open Water Diver, ho fatto il primo respiro sott’acqua.

La subacquea non è uno sport competitivo; possiamo dire che è un’avventura da vivere assieme ai compagni d’immersione, anche loro con una passione sfrenata per l’oceano. Siete pronti anche voi ad immergervi? Andiamo!

Come si comincia?

Il corso di primo livello, che per la maggioranza dei subacquei è l’inizio di questa avventura, è il corso PADI Open Water Diver. Il programma consiste in una combinazione di sviluppo teorico (online o in classe), immersioni in acqua confinata (ovvero sessioni di abilità subacquee in piscina o ambiente simile) e immersioni in acqua libera (dove si mette in pratica tutto ciò che avete imparato!).

Oppure, se volete solo fare una prova per vedere di cosa si tratta, vi potete iscrivere ad un programma PADI Discover Scuba Diving®, una veloce e divertente esperienza subacquea che non vi darà un brevetto ma che – sicuramente – vi farà venire voglia di continuare.

“La subacquea mi ha dato l’opportunità di incontrare altre donne impavide che condividono la stessa passione per l’esplorazione e la conservazione dell’oceano.” – Rika Royale

Quanto ci vuole?

Dipende completamente da voi. In una località di vacanza, spesso il corso PADI Open Water Diver viene svolto in quattro giorni. Ma, l’avanzamento avviene in base all’esecuzione e quindi, se serve più tempo, il vostro istruttore si accerterà che siate pronti prima di continuare. I quattro giorni del mio corso Open Water, nel 2009, sono stati i migliori del mio primo viaggio in Tailandia.

Inoltre, il vostro centro sub locale potrebbe offrire corsi che si svolgono durante diverse serate e week end, a cavallo di alcune settimane.

Un’altra opzione è di cominciare per conto vostro, durante i momenti liberi, iscrivendovi al PADI eLearning® e completando le porzioni di sviluppo teorico online, prima di recarvi presso un centro sub nella vostra zona, o in una destinazione di vacanza, per completare la certificazione.

alex-baackes-wdd-4

Dove ci si può immergere?

Sebbene le spiagge tropicali siano le prime località che ci vengono in mente, queste non sono che l’inizio. Io mi sono immersa in sorgenti create da ghiacciai, in laghi in altitudine, in acquari e nella piscina della casa dove sono cresciuta. Mi sono immersa in America del Sud, Centrale e del Nord, in Europa e in Asia. È una passione che permette di viaggiare in tutto il mondo.

E se non si ha un compagno d’immersione?

Se nessuno dei vostri amici è pronto a seguirvi, aspettate di pubblicare i vostri primi epici “selfie” fatti sott’acqua: vi contatteranno tutti!

Per il momento, però, mettetevi in contatto con il vostro PADI Dive Center / Resort e con altri gruppi subacquei locali su Meetup o Facebook. Non solo incontrerete altri subacquei entusiasti, ma potrete anche iscrivervi a viaggi sub locali e a esotiche vacanze subacquee. Oppure, potrete organizzarne una in autonomia! Recandovi in località rinomate per le certificazioni subacquee – per esempio, Cairns, in Australia – e iscrivendovi ad un corso, sicuramente conoscerete altri viaggiatori solitari con cui condividere non solo le immersioni ma anche qualche drink a fine giornata.

“Durante le immersioni, i miei momenti preferiti sono quando vedo qualcosa di fantastico/stupendo/incredibile/strano e condivido con il mio compagno d’immersione quel momento silenzioso che vale mille parole” – Heather Holt

Ma la subacquea non è un’attività cara?

Ho sentito dire che viaggiare è l’unica cosa che si acquista e che ci arricchisce, ma direi che lo stesso vale per la subacquea. Nelle diverse località nel mondo, il costo dei corsi varia moltissimo. In posti come Utila, Honduras e Koh Tao, principalmente frequentati da ragazzi che viaggiano con lo zaino in spalla, fare un corso sub costerà meno di 250 Dollari e a volte, in questa cifra, è incluso anche un alloggio di base. Rinunciando a qualche spesa abitudinaria, è facile mettere insieme i soldi necessari per un corso.

alex-baackes-wdd-2

Quanto in forma devo essere?

Sicuramente non si devi essere nuotatori di livello olimpico, ma sono richieste alcune abilità di base. Per il corso PADI Open Water Diver, i requisiti di nuoto consistono in una sessione di dieci minuti di galleggiamento (con un metodo a scelta) e 200 metri a nuoto (o 300 metri con maschera, pinne e snorkel). Non c’è da preoccuparsi per la prova di nuoto: non c’è limite di tempo e non c’è punteggio per la forma fisica. Viene effettuato per assicurare la sicurezza in e vicino all’acqua.

Per iniziare, che tipo di attrezzatura si deve acquistare?

Non si deve acquistare niente! Si può noleggiare l’attrezzatura necessaria presso il centro in cui ci si recherà. Tuttavia, per il proprio comfort, io raccomando sempre di investire in una maschera, snorkel e pinne personali. Inoltre, sarete pronti per qualsiasi tipo di avventura acquatica. Anche quando sono in viaggio senza la mia attrezzatura da sub, metto sempre la mia maschera in valigia per eventuali gite snorkelling.

Ad un certo punto, sarebbe ideale possedere tutta l’attrezzatura personale. Ma non lasciate che il costo di un GAV ed erogatore vi scoraggino dall’iniziare: finché ne avrete bisogno, potrete continuare a noleggiare attrezzatura di alta qualità.

E per quanto riguarda le problematiche tipicamente femminili?

Poiché i dottori sanno molto poco riguardo agli effetti dell’immersione sui feti, le donne evitano di immergersi quando sono incinte o stanno cercando di rimanere incinte. Per quanto riguarda il ciclo mensile, si consiglia di comportarsi come per tutte le altre vostre attività fisiche e non c’è alcuna evidenza che gli squali ne siano attratti.

È la subacquea uno sport adatto alle donne? Assolutamente sì! Infatti, durante le immersioni in barca, le donne sono spesso i compagni d’immersione più richiesti, perché hanno il minor consumo d’aria e riescono a rimanere sott’acqua più a lungo delle loro controparti maschili.

“Quando stavo imparando ad immergermi, cercavo di farlo con un’istruttrice e altre subacquee: era molto più divertente e per niente intimidatorio!” – Liz Carlson

alex-baackes-wdd-3

Ci sono dei rischi particolari da conoscere?

Certamente: quello di diventare completamente dipendenti dalla subacquea! A parte gli scherzi, durante il corso, imparerete quali sono i rari rischi associati alla subacquea e vedrete che quelli di cui maggiormente si preoccupa la gente – squali, claustrofobia, problemi di compensazione, ecc. – tendono a svanire man mano che si progredisce nella subacquea.

Quando si può cominciare?

Subito! Trovate un centro sub nella vostra zona o in una località di vacanza, iscrivetevi al corso online, o registratevi oggi stesso per un evento PADI Women’s Dive Day.

La sicurezza che ho acquisito studiando argomenti in cui non mi sono mai ritenuta brava, la consapevolezza ottenuta sull’importanza della conservazione, le amicizie formate durante i controlli pre-immersione, e le cose belle che ho visto in tutto il mondo, sono tutti doni che la subacquea mi ha fatto e per i quali sono estremamente riconoscente. Mi auguro che tutte le donne, un giorno, possano sperimentare queste stesse cose.

Avete qualche domanda? Scrivetele nei commenti! Altrimenti, ci vediamo sott’acqua!