I Divemasters Discutono sulle Loro Differenti Motivazioni

Pubblicato da

padi-divemaster-course

Stavo parlando con Brian sul diventare un Professionista PADI. Lavora nel business della subacquea da un bel po’ di tempo e insieme abbiamo fatto parecchio negli ultimi decenni. È la persona perfetta per lanciare nuove idee. Stavamo cercando una maniera veloce per comunicare il valore del diventare un PADI Pro e abbiamo discusso molto su questo argomento, specie dal momento in cui stavamo portando a termine l’addestramento di un corso divemaster.

Questi candidati divemaster sono parecchi: professionisti e non, giovani e vecchi, genitori e single. Abbiamo affrontato gli ultimi compiti del corso ed è giusto dire che tutti loro hanno fatto un buon lavoro e hanno preso il meglio da questa esperienza dal programma impegnativo; le condizioni subacquee di questo inizio di primavera hanno aiutato a dar forma ad alcuni  abili subacquei.

Le loro motivazioni per cui avessero fatto questo corso, per diventare Membri PADI, sono state abbastanza varie.

Istvan mi raccontò che voleva diventare un DM per “capire più in profondità come non prendersi cura solo di se stessi, ma anche degli altri. Mi permetterà di fare così tanta esperienza e di saperne così tanto di più, da avere un valore incalcolabile. Inoltre credo che il ruolo che un Divemaster ricopre come leader mi aiuterà a crescere nella subacquea ma anche nella mia professione.”

PADI Divemaster

Christina ci ha detto che voleva viaggiare e vivere in un clima più caldo, per scappare in ogni momento possibile. Dopo la mia prima immersione, un discover scuba, seppi all’istante che la subacquea era ciò che volevo fare e che mi avrebbe potuto dare l’opportunità di viaggiare e lavorare in tanti posti in giro per il mondo.” Lei lavora come freelancer, che comporta le difficoltà di un lavoro non continuativo: può trovarsi sommersa tra diversi lavori, tutti nello stesso momento, come per mesi non avere nulla da fare. Per lei, diventare un DM e Membro PADI, è il primo passo per ovviare a questi intervalli, riducendo così il tempo trascorso a una scrivania, e si spera che possa essere un biglietto per viaggiare e vivere lo stile di vita che ha sempre desiderato: “Da qualche parte al caldo, da qualche parte nel blu, circondata dal mare. [Come Divemaster PADI] E poter essere ora una di quelle persone che apre le porte della subacquea a coloro che sta iniziando a imparare.”

Mark mi raccontò che quando iniziò a immergersi, non aveva mai immaginato di arrivare fino a diventare un professionista. “Il brevetto Master Scuba Diver mi suonava bene, e pensavo che fosse un traguardo davvero lontano, quando iniziai. Nonostante ciò, visto che stavo lavorando per crescere all’interno del sistema, non potevo essere d’aiuto ma potevo vedere l’importanza della progressione e del sistema di addestramento concepito in compartimenti. E ho visto nel corso Divemaster un’opportunità perfetta per arrivare a fare quel passo avanti a cui aspiravo, rispetto al mio livello personale di subacquea. Anche se m’iscrissi al corso con l’idea che ne avrei guadagnato parecchio in termini di capacità personale ed esperienza, le mie aspettative furono superate di brutto.”

Go Pro - Divemaster

In conclusione, Brian ed io decidemmo che malgrado tutte le diversità, ci fosse qualcosa in comune di importante nel loro percorso: il ruolo di leadership di Istvan, il trasmettere la subacquea agli altri di Christina, il migliorare le capacità personali ed acquisire esperienza di Mark. Probabilmente queste testimonianze descrivono il motivo più importante in assoluto del diventare e restare un PADI Pro: aumentare le proprie capacità personali e acquisire quella sicurezza necessaria per essere un leader rispettato nella comunità subacquea che è nella posizione di introdurre nuove persone in questo ambito.

Per ricevere dei consigli su qualsiasi cosa che riguardi il diventare un Divemaster PADI, visita padi.com.